Posso aiutarti?

Per qualsiasi informazione sui miei servizi, per fissare un appuntamento telefonicamente o se hai bisogno di assistenza, sono sempre a tua completa disposizione.

Chiamami al
+39 333.29.22.308

(lun-ven 09.30 - 20.30)

Oppure scrivimi a
info@georgefiorini.eu

marketing sanitario, inbound marketing e digital ADV a Milano
whatsapp +39 333.29.22.308

Una notte da leoni 2

Locandina di Una notte da leoni 2
Scegli il miglior marketing sanitario per i dentisti
LA tua promozione sanitara per dentisti ed odontoiatri
Ti serve aiuto per la tua campagna PUBBLICITARIA?
Contattami velocemente
per richiedere una valutazione GRATUITA del tuo problema!
A che servizio saresti interessato?
CONSENSO OBBLIGATORIO*

*
Questo modulo è protetto contro lo spam da Google Recaptcha

Titolo originale: The Hangover Part II
Lingua originale: inglese
Paese di produzione: Stati Uniti d'America
Anno: 2011
Durata: 101 min
Rapporto: 2,35:1
Genere: commedia
Regia: Todd Phillips
Soggetto: Jon Lucas, Scott Moore
Sceneggiatura: Todd Phillips, Scott Armstrong, Craig Mazin
Produttore: Todd Phillips, Daniel Goldberg
Produttore esecutivo: Scott Budnick, Jon Jashni, J.C. Spink, Thomas Tull, Vineet
Casa di produzione: Warner Bros., Green Hat Films, Legendary Pictures
Distribuzione per l'Italia: Warner Bros Italia
Fotografia: Lawrence Sher
Montaggio: Debra Neil-Fisher, Mike Sale
Effetti speciali: Animal Makers
Musiche: Christophe Beck
Scenografia: Bill Brzeski
Costumi: Louise Mingenbach
Trucco: Jennifer Bell

Interpreti e personaggi

Bradley Cooper: Phil Wenneck
Ed Helms: Stuart "Stu" Price
Zach Galifianakis: Alan Garner
Justin Bartha: Doug Billings
Ken Jeong: Mr. Leslie Chow
Paul Giamatti: Kingsley
Jamie Chung: Lauren
Mason Lee: Teddy
Sasha Barrese: Tracy
Jeffrey Tambor: Sid Garner
Nirut Sirichanya: Fohn
Bryan Callen: Samir
Gillian Vigman: Stephanie
Yasmin Lee: Kimmy
Penpak Sirikul: Joi
Sondra Currie: Linda Garner
Nick Cassavetes: tatuatore Joe
Mike Tyson: se stesso
Aroon Seeboonruang: capo dei monaci buddisti

Doppiatori italiani

Christian Iansante: Phil Wenneck
Roberto Stocchi: Alan Garner
Alessandro Quarta: Stuart "Stu" Price
Oreste Baldini: Mr. Leslie Chow
Massimiliano Alto: Doug Billings
Massimo Rossi: Kingsley
Valentina Mari: Lauren
Alessio Puccio: Teddy
Barbara De Bortoli: Tracy
Renato Cecchetto: Sid Garner
Ennio Coltorti: Fohn
Roberto Gammino: Samir
Emilia Costa: Stephanie
Patrizia Burul: Kimmy
Roberto Draghetti: Joi
Franca Lumachi: Linda Garner
Bruno Conti: Mike Tyson
Gianni Giuliano: capo dei monaci buddisti

I leoni sono tornati.

Trama

California, due anni dopo i tragici fatti narrati nel capitolo precedente.
Stuart "Stu" Price (Ed Helms) ha trovato una nuova fidanzata, la bellissima Lauren, di origini tailandesi.

Deciso a convolare a giuste nozze con la propria bella e forzato dall'austero padre di lei a celebrare il matrimonio in Tailandia, Stu invita alla cerimonia gli amici di sempre Phil Wenneck (Bradley Cooper) e Doug Billings (Justin Bartha), giurandogli però che, stavolta, non ci sarà nessuna festa di addio al celibato.

Una notte da leoni
Phil, Doug e Stu mentre parlano del prossimo matrimonio del dentista in Tailandia

Su pressione della moglie, Doug prega Stu di invitare anche suo cognato Alan Garner (Zach Galifianakis), che da due anni non fa altro che rinchiudersi nella sua camera ripensando ai 'bei momenti' vissuti a Las Vegas visti nella prima pellicola.

Titubante, ritenendo giustamente Alan un pazzoide dissociato dalla realtà, Stu alla fine accetta, e così i tre amici partono tutti assieme per Bankok, accompagnati da Teddy, il giovanissimo, rispettoso e talentuoso fratellino di Lauren, preso immediatamente in antipatia da Alan.

Una notte da leoni
Alan viene invitato al matrimonio di Stu

Arrivati in Tailandia, alla cena di presentazione del matrimonio, Stu è pesantemente umiliato in pubblico dal ricco e facoltoso (ed anche un po' supponente) padre di Lauren, per nulla sorridente all'idea di dare per sposa la figlia ad un dentista, che per di più disprezza come uomo e considera nullità come persona.

leggi anche: una notte da leoni
Una notte da leoni
Teddy, il fratellino di Lauren

Prima di andare a letto, i quattro amici - in compagnia di Teddy - decidono di fare un piccolo falò sulla spiaggia, bevendo delle sane - e sigillate - birre industriali e mangiando degli innocui marshmellow, brindando senza pericoli al prossimo matrimonio di Stu.

Il giorno dopo, Phil ed Alan (completamente rasato in testa) si risvegliano devastati e sconvolti in un'ignota stanza di un'ignoto e squallido hotel di Bangkok, e capiscono subito che è successo ancora una volta quello che non sarebbe mai dovuto accadere di nuovo: sono stati di nuovo drogati, e hanno passato l'ennesima 'notte da leoni'.

Una notte da leoni
Il falò dove comincerà l'ennesima 'notte da leoni'

Con loro si risveglia anche Stu, che stavolta si ritrova in faccia un tatuaggio tribale, mentre del piccolo Teddy i tre ritrovano solamente... Il dito anulare della mano destra!

Nuovamente, la situazione precipita sull'orlo del baratro: mancano poche ore al matrimonio, si trovano persi chissà dove in qualche parte dell'immensa Bangkok e non hanno la minima idea di cosa abbiano fatto e di dove possa essersi cacciato Teddy.

Una notte da leoni
Phil ed Alan si svegliano dopo la notte di bagordi

A quest'enorme problema, ben presto se ne aggiunge un altro, altrettando grosso: Leslie Chow (Ken Jeong), il malvivente conosciuto nel primo capitolo e diventato amico di Alan, ha fatto festa con loro e, suo dire, è stata la nottata più folle mai sperimentata.

Chow però non fa in tempo a mettere i tre al riguardo della sorte di Teddy che, complice una tremenda sniffata di cocaina appena svegliato, collassa morto stecchito sul tavolino.

Una notte da leoni
Stu con il tatuaggio tribale in volto

Phil decide quindi, per non finire sbattutto a vita in una gattabuia tailandese, decide di occultare il corpo nella ghiacciaia in cima al palazzo, e poi di mettersi alla caccia di Teddy, basandosi sui pochissimi indizi che si ritrovano nelle tasche.

Partirà dunque l'ennesima giornata infernale, in una corsa contro il tempo in cerca di Teddy che porterà i tre amici a scoprire, pian piano, tutte le folli gesta compiute la notte precedente.

Si scopre così che i quattro hanno rapito un tranquillo e pacifico monaco buddista, hanno fomentato una rivolta di quartiere e messo a ferro e a fuoco un'intera strada, hanno gozzovigliato nei peggiori night club della città assieme a Chow e ad altri deliquenti locali ed altre bravate varie, alcune ben peggiori di quelle fatte a Las Vegas due anni prima.

Una notte da leoni
Il risveglio di Leslie Chow

Tutto questo delirio scatenato, ovviamente, gli farà passare altri guai, finendo addirittura in una gigantesca operazione dell'Interpol per arrestare Chow, miracolosamente scampato all'infarto per overdose da cocaina.

Quando tutto sembra perduto però, Stu ha un'intuizione geniale, e realizza, collegando i pochi indizi a disposizione, che il piccolo Teddy è sempre rimasto nell'hotel, imprigionato però nell'ascensore, complici i soventi black-out di cui Bangkok soffre ogni giorno.

Una notte da leoni
Grosso problema per il branco: Teddy è speduto a Bangkok

Recuperato Teddy, con un dito di meno ma in buono stato generale, i quattro si precipitano a razzo al matrimonio, arrivando per tempo grazie alle ottime capacità marittime di Alan, che spiaggia con il motoscafo direttamente tra gli invitati alla cerimonia.

Una notte da leoni
La transessuale con cui Stu ha passato la notte

Stu trova il coraggio di ribellarsi ai soprusi del padre di Lauren, ed il matrimonio può dunque celebrarsi.

Come regalo da parte di Alan, arriva anche Mike Tyson che si esibisce in uno show, mentre alla fine tutti assieme gli amici guardano le consuete immagini della notte brava scattate con la videocamera, e che mostrano il delirio scatenato a Bangkok dal 'branco'.

Una notte da leoni
Finalmente Stu riesce a sposarsi!

Il branco

Phil Wenneck
Phil Wenneck

Professore liceale avvenente quanto immaturo, è sposato con figli, ma non gradisce particolarmente la sua condizione di marito e padre, e quando può infatti scappa via con i suoi amici.
Invitato da Stu al suo matrimonio, si ritroverà un'altra volta a vivere l'incubo del post-sbornia, girando in lungo ed in largo Bangkok nel tentativo di ritrovare il giovane Teddy, perso misteriosamente dopo la folle notte di bagordi.
Anche in questo episodio finirà bastonato e persino sparato, ma alla fine riuscirà a riportare Stu da Lauren, salvando così il suo matrimonio.

Stuart "Stu" Price
Stuart "Stu" Price

Dentista californiano amico di vecchia data di Phil e Doug, dopo aver lasciato la petulante e dispotica Melissa alla fine del primo film della saga, s'è fidanzato con la bella e dolce Lauren, di origini tailandesi.
Deciso a sposarla in Tailandia, invita i suoi amici Phil e Doug e, costretto da quest'ultimo, richiama pure lo svitato Alan, promettendo però di non fare assolutamente un altro addio al celibato a base di alcool e droghe.
Purtroppo invece, pure stavolta finirà malissimo: drogato dai marshmellow di Alan, si tramuterà ancora nel suo alter ego invasato e folle, che ne combinerà di tutti i colori, arrivando anche a farsi un tatuaggio tribale sulla faccia!
Dopo essersi risvegliato, si metterà in cerca di Teddy con Phil e Alan, e scoprirà nell'avventura tutte le prodezze combinate la sera prima: ha fomentato una rivolta contro la polizia locale, ha folleggiato in uno dei peggiori strip-club di Bangkok facendo sesso (da passivo) con una transessuale e ha persino rapito un tranquillo monaco buddista.
Riuscirà comunque a ritrovare il giovane cognato Teddy, e a presentarsi per tempo al matrimonio con la sua Lauren, trovando anche il coraggio di ribellarsi al prepotente padre di lei.

Stuart "Stu" Price
Alan Garner

Cognato di Doug, è un uomo sulla trentina in sovrappeso con seri disturbi neuropatici, che gli causano un carattere infantile, a volte totalmente dissociato dall'ambiente circostante.
Per colpa sua, due anni prima Phil, Stu e Doug hanno passato le pene dell'inferno a Las Vegas, e quindi ora Stu, prossimo alle nozze, giustamente ha ben pensato di evitare di invitarlo.
Costretto da Doug, a sua volta costretto da sua moglie, Stu dovrà cambiare idea, e la cosa si rivelerà ancora una volta infausta: per mettere fuori gioco Teddy, inviso già al primo sguardo, Alan drogherà i marshmellow, che però saranno mangiati da tutti i membri del piccolo falò organizzato sulla spiaggia, ad eccezione del fortunato Doug.
Questo scatenerà l'ennesima notte da leoni, in cui i tre, assieme a Teddy, metteranno a ferro e a fuoco Bangkok, combinandone veramente di grosse in compagnia di Chow, divenuto amico di Alan.
Si farà comunque perdonare di quanto successo guidando con successo il motoscafo e riportando Stu da Lauren, in tempo per il matrimonio.

Doug Billings
Doug Billings

Amico di lunga data di Stu e Phil e cognato di Alan, invitato da Stu al suo matrimonio.
Su pressione della moglie, convince Stu ad invitare Alan, ma sarà un'idea malsana: l'infantile amico drogherà i marshmellow, scatenando l'ennesima notte brava da cui Doug, fortunatamente, si salverà, non avendo mangiato i dolcetti.

Leslie Chow
Leslie Chow

Malavitoso asiatico conosciuto nella precedente pellicola e divenuto amico di penna di Alan, una volta saputo dal suo amico della presenza del branco a Bangkok organizza una notte pazzesca, fatta di alcool, cocaina, prostitute e deliri vari.
Si risveglierà in compagnia di Phil, Alan e Stu, ma sarà dato per morto subito dopo aver ingerito una grande quantità di cocaina.
Morto invece non sarà, ma finirà arrestato dall'Interpol con la complicità (forzata) di Phil, Stu e Alan.

Teddy
Teddy

Il giovanissimo fratello di Lauren, la futura sposa di Stu.
Subito inviso ad Alan, che lo considera un elemento estraneo al 'branco', per metterlo fuori gioco lo psicopatico panzone penserà bene di drogare i marshmellow usati dai suoi amici per il piccolo falò sulla spiaggia, causando quindi l'ennesima folle notte di eccessi, a cui parteciperà anche Teddy.
Dopo aver perso il dito anulare della mano destra (tagliato per sbaglio nella notte brava), il giovane scomparirà, e quindi Phil, Stu ed Alan dovranno mettersi sulle sue tracce per mezza Bangkok, vivendo un'altra avventura infernale.
Grazie alla sagacia di Stu, verrà ritrovato bloccato in ascensore, e sarà riportato per tempo dalla sua famiglia.

Sviluppo e produzione

Una notte da leoni

Due anni dopo il grande - ed inaspettato - successo del primo "The Hangover" la Warner Bros. pensò di tentare di replicare i successi della pellicola di Todd Phillips con un seguito ambientato non di meno che Bangkok, giudicata location ideale per le scorribande base di droga ed alcool del 'branco'.

Il regista scrisse la sceneggiatura a quattro mani con Scot Armstrong, ed inizialmente ci sarebbe dovuta essere l'aggiunta di Zac Efron ed addirittura un cameo di Mel Gibson nel ruolo del tatuatore di Stu.

Richiami e marchio di fabbrica

Una notte da leoni

La trama ricalca in maniera quasi speculare la prima pellicola: ancora un party d'addio al celibato finito male, ancora una volta per colpa di Alan, stavolta però nella caotica Bangkok.

All'inizio, la sceneggiatura sarebbe dovuta essere differente: i tre amici sarebbero dovuti essere rapiti, ma i produttori decisero di non cambiare il soggetto vincente del primo film.

Torna il personaggio di Leslie Chow, il pazzoide criminale asiatico molto amato dai fan che, anche in questo film, farà i bagordi con Stu e compagni.

Accoglienza

Una notte da leoni

Partito con un budget di 80 milioni di dollari, il film ne incassò oltre 586 in tutto il mondo, superando così anche il suo predecessore.

Per i fan della serie, è da molti considerato l'episodio più divertente e meglio riuscito.

La tua agenzia pubblicitaria creativa a Milano
La tua agenzia pubblicitaria creativa a Milano
Giorgio Fiorini
Digital Specialist , SEO e SEM expert
Ho smontato il mio primo calcolatore elettronico a 9 anni, e miracolosamente sono riuscito a rimontarlo più o meno funzionante.
A 10 anni volevo essere Haran Banjo, a 40 mi sono accontentato di essere riuscito a divenire me stesso.
Non tutto si può vendere grazie al marketing, ma di certo senza il marketing niente si può vendere.
La buona promozione parte da un buon prodotto, al quale non si deve mai rinunciare.
Milano non è una città, è un bel vestito: ti fa risaltare solo se sei tu ad avere eleganza.
Ah: Uan era solo un bastardo rosa.

Sito anti-bufala
Professionisti certificati google per la tua pubblicità
Sono certificato Google, e così tutti quelli che lavorano per me
Una garanzia per te, un dovere professionale per me.
Le Certificazioni Google ti assicurano che sia io che i miei collaboratori siamo costantemente formati, anno dopo anno, e che ci teniamo sempre aggiornati sui servizi che ti offriamo.
Certificazione Google YouTube Video Ads
Google Ads Video Certification

Certificazione Google Measurement
Measurement Certification

Certificazione Google Search Ads
Google Ads Search Certification

Certificazione Google Dislay Ads
Google Ads Display Certification

Certificazione Google App Ads
Google Apps Certification

Certificazione Google Shopping Ads
Shopping Ads Certification
ti potrebbero interessare anche i seguenti contenuti:

Articoli generati da un'AI? No, grazie

Articoli sanitari scritti da umani e non ai

Tutti gli articoli sanitari presenti in questo sito sono stati scritti da professionisti umani.
Le informazioni sono date secondo i principi di scienza e coscienza, con fonti certe, verificate ed attendibili, senza ausilio di algoritmi generativi.
Nessun articolo è stato scritto, anche parzialmente, da un'intelligenza artificiale generativa.

Iscriviti alla mia newsletter

Iscriviti per essere sempre informato sul mondo della pubblicità, del marketing e della tecnologia!
Ti prometto che non ti manderò mai spam o proposte commerciali non attinenti ai tuoi interessi, ed i tuoi dati saranno trattati nel rispetto della legge sulla privacy!

Ti è piaciuta questa pagina? Vuoi parlarne con me?

È rapido e veloce: se hai il tuo profilo su uno dei seguenti social network, clicca semplicemente sul logo che ti interessa per aggiungermi ai tuoi amici: